Lenovo e lo smartphone che sfrutterà la realtà aumentata di Google

La società Cinese Lenovo in occasione di Tech World 2016, a San Francisco, ha presentato il nuovo smartphone, PHAB2, smartphone che per primo sfrutterà Tango, il software di Google al servizio delle applicazioni di realtà aumentata (Augmented Reality, AR).

Lenovo ha lavorato con Google per circa un anno su Tango, che ha elementi di realtà aumentata e la realtà virtuale. Google ha venduto il kit di sviluppo per $ 512 ai produttori di smartphone e Lenovo rivendica un vantaggio iniziale di sei mesi sui rivali.

Definirlo un semplice smartphone è decisamente riduttivo, stiamo parlando di un device che avrà il set di sensori e software di Google in grado di rilevare la realtà circostante, mapparla e riproporne una versione aumentata con diversi strumenti e una serie di applicazioni dedicate all’Augmented Reality.

 

ev_lenovotechworld2016_0074-300x200

Tutto quello che dovete fare è guardare attraverso il Phab 2 per vedere gli oggetti sovrapporsi sul mondo reale.  È possibile misurare gli oggetti con il telefono, ma anche visualizzare mobili , come un nuovo tavolo o un nuovo divano, per vedere come se fossero a casa. Oppure si può semplicemente giocare con il nostro animale domestico virtuale.

Il device, a discapito di quello che si può pensare, non avrà dei costi esagerati, anzi la Realtà Aumentata proposta da Lenovo arriverà a prezzi accessibili e per tutti, il modello migliore costerà, da settembre, 499 dollari.

Ecco alcune caratteristiche che ritengo fondamentali sottolineare di questo smartphone:

Schermo: 6.4 ” QHD (1440 x 2560 )  Si adatta a diverse condizioni di luce, come la luce del sole o riflessi di luce

Fotocamera: 16 MP fotocamera posteriore
8 MP fotocamera frontale
3 secondi per un focus super-veloce

Tango: Giochi di Augmented Reality
varie utility di realtà aumentata

Processore: Processore Snapdragon ™ 652 , Edizione Tango
Ottimizzato per Tango

Memoria: 64GB ROM
4 GB di RAM

Personalmente, per tutte le sue promesse e il potenziale, non mi aspetto che questo primo dispositivo possa diventare un mainstream, ma sicuramente incuriosirà molte persone e posso solo immaginare ai modelli di business in cui potrà essere utile a Tango.


Author: Gianmarco

Laureato in Scienze di Internet/Informatica per il Management, Bolognese, geek, appassionato di social media. Sul mio blog notizie e app dal mondo dell'Augmented Reality.

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + 2 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>