Ellybee, le fiabe che insegnano l’inglese attraverso la realtà aumentata

Ellybee insegna l’inglese ai bambini grazie ad un modello che trasmette emozioni positive stimolando il rapido apprendimento delle lingue straniere già in età infantile e oggi, grazie anche al supporto della realtà aumentata.
Ho avuto la possibilità di intervistare Ornella Faranda, la Co-founder:

G:”Grazie Ornella per aver accettato. Per iniziare, mi piacerebbe tu mi raccontassi perché hai scelto di occuparti proprio di realtà aumentata, da cosa nacque questo interesse.”

O:”L’idea iniziale della nostra startup era molto diversa, avevamo puntato tutto sui libri cartacei e la personalizzazione come fattore motivante per l’interesse del bambino a leggere e ad apprendere la lingua inglese. Ci siamo resi conto, dopo poco, che nonostante l’idea piacesse mancava quel qualcosa che ad oggi, per i nostri piccoli nativi digitali è di fondamentale importanza, il fattore interattivo.
Non volevamo inserire i soliti cd o dvd. Siamo una start up innovativa e dovevamo trovare qualcosa che completasse l’intuizione dei libri personalizzati.
Uno dei soci, Andrea Tassone, imprenditore e proprietario di una software house un giorno mi propose la realtà aumentata, io non sapevo neanche di cosa si trattasse, ma lui ha sempre avuto un ottimo intuito e siamo andati avanti.
Oggi, grazie al nostro team, composto da Silvia Morandi, psicoterapeuta e proprietaria di un asilo bilingue brillantemente avviato a Milano il Polaris preeschool e Gaetano Giuffrè, con una straordinaria esperienza professionale nel mondo dell’editoria, siamo riusciti a creare un gruppo coeso e con competenze molto diverse, che hanno aiutato Ellybee a crescere realizzando il primo livello del progetto che è dedicato alle scuole pubbliche e private, ma è anche rivolto a chi offre corsi extrascolastici di lingua inglese. Il nostro prodotto è semplice e davvero alla portata dei bambini, ed è stato maturato anche per dare la possibilità a chi volesse rientrare nel mondo del lavoro, di poterlo utilizzare in maniera autonoma per i propri corsi.
I contenuti sono stati sviluppati da un gruppo di lavoro che comprende diverse figure professionali con competenze diverse, come educatrici con pluriennale esperienza, insegnanti di lingua inglese e pedagogisti ed è stato sviluppato sulle linee guida del programma ministeriale di inglese per i bambini che frequentano la scuola primaria.
Il nostro è un prodotto assolutamente rivoluzionario nel mondo educational e, nella fattispecie, nel mondo dell’insegnamento della lingua inglese, tanto da destare interesse da parte del Miur, Ministero dell’Istruzione, che ha proposto una prima sperimentazione su un numero di scuole pubbliche in tutto il Paese.”

G:”In che cosa consiste di preciso la vostra applicazione?”

O:”La nostra applicazione è un supporto al libro, non è pensato come elemento centrale del libro. Noi crediamo che i bambini più o meno piccoli debbano apprendere con il libro cartaceo, quindi la nostra realtà aumentata è un mero strumento per aiutare il bambino a concentrarsi sul libro. Ci siamo riusciti! La realtà aumentata è davvero la giusta unione tra il “vecchio” libro cartaceo e la modernità più assoluta.”

G:“Da quanto tempo ti occupi di AR?”

O:”Il Team di Ellybee si occupa di realtà aumentata da relativamente poco tempo, un po’ più di un anno, ma siamo convinti di aver visto solo la punta dell’iceberg, perché la sua applicazione può davvero rivoluzionare tantissimi settori.”

G:“Quali sono state le reazioni degli adulti nel vedere l”applicazione?”

O:“Inizialmente le reazioni degli adulti erano non tanto positive per vari fattori soprattutto per l’estraneità al concetto della RA da dare “in mano” ai loro piccoli. Tuttavia, appena capivano che il nostro concetto di RA è un accompagnamento alla lingua inglese, allora la paura spariva immediatamente, facendo avanzare tanto stupore, un po’ come i loro bambini! E’ divertente vedere gli adulti “ripetere” le parole della nostra Insegnante virtuale Elly!”

G:“E quelle dei bambini?”

O:“Le reazioni dei bambini sono assolutamente meravigliose! Restano a bocca aperta e hanno voglia di sentire la loro insegnante virtuale all’infinito. Inoltre, adesso abbiamo inserito nell’app il riconoscimento vocale che dà davvero la sensazione di interagire attivamente con l’ape! I nostri piccoli lettori sono assolutamente meravigliosi nella loro infinita spontaneità, per loro, vedere il libro che prende vita, è una vera e propria magia!”

G:”Quali sono secondo te i pro e i contro dell’Augmented Reality?”

O:“I pro della Realtà Aumentata sono infiniti, impossibile poterli elencare tutti, ma la cosa che secondo noi è fondamentale, nell’ambito educational, è che la RA rende l’apprendimento facile e veloce perché l’apprendimento diventa attivo dando la possibilità di fare quelle esperienze di “learning by doing” che senza di essa non si possono fare. I contro: purtroppo ancora davvero costosa!”

G:”Quali campi, oltre all’educazione, l’AR può svolgere un ruolo determinante?”

O:“Secondo noi la RA è una di quelle tecnologie da poter usare indistintamente in tutti i campi. Basta avere un po’ di creatività, intuizione e la RA è la scelta giusta.”

G:”In che modo pensi si evolverà?”

O:“Personalmente non ho idea di come si evolverà la RA, ma sono curiosissima.  Come dicevo prima, una delle cose che ho imparato con questo lavoro è “che tutto è possibile ed è fattibile” basta avere l’idea e l’intuizione giusta e la RA potrebbe davvero aiutare tutti in qualsiasi campo.”

G:”Bene, abbiamo finito, grazie mille per il tempo che mi hai dedicato.”

O:“Grazie a te e ricordate http://www.ellybee.it/ il nuovo modo che insegna l’inglese ai vostri bambini.”


Author: Gianmarco

Laureato in Scienze di Internet/Informatica per il Management, Bolognese, geek, appassionato di social media. Sul mio blog notizie e app dal mondo dell'Augmented Reality.

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


cinque − = 2

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>