Augmented reality e digital marketing (2)

commons.wikimedia.org

Come accennato l’ultima volta, vi riporto l’articolo fatto da Giorgio, al quale faccio i miei complimenti e che ringrazio per la sua intervista!! :D

di Giorgio Fontana

[prima parte]

Per approfondire la questione su augmented reality e digital marketing, ho fatto qualche domanda a Gianmarco Bassini, giovane animatore del blog AugmentedRealityMarketing (appunto).

Gianmarco, mi sembra che l’intergrazione di questo strumento sia ideale per casi di proximity marketing, ovvero legato a un territorio molto ben delinato. Che ne pensi?

Possono esserci opportunità in relazione al Radio Frequency IDentification (RFID) e al Near Field Communications (NFC), attraverso i quali è resa possibile l’identificazione del prodotto.

Gli RFID sono dispositivi miniaturizzati che consentono latrasmissione di dati, tramite radiofrequenza a corto raggio. Negli ultimi anni, la proceduradi riconoscimento automatico ha suscitato molto interesse e si sta sviluppando in ogni settore industriale, da quello di acquisto e distribuzione di servizi logistici a quello industriale, manifatturiero e metalmeccanico.

L’NFC è una tecnologia che fornisce connettività wireless bidirezionale a corto raggio (fino ad un massimo di 10 cm). L’informazione può essere richiesta sulla base di impostazioni personalizzate, che arricchiscono la conoscenza e ne aumentano ulteriormente la pertinenza.

Oggi in molte parti del mondo sono di uso comune i lettori di tag RFID (iCarte 110 per iPhone) sui cellulari, che consentono tramite lo scanning di immagini stampate, l’accessoad informazioni on-line. E’ facile immaginare l’inevitabile fusione di queste tecnologie con la Realtà Aumentata. Questo consentirebbe, ad esempio, di comparare il prezzo di prodotti nei supermercati o leggere recensioni di un libro in tempo reale prima di acquistarlo in negozio e non solo.

Alcune catene di supermercati hanno adottato dispositivi digitali per rendere ancora più facile e più informativo spingere un carrello attraverso le corsie dei supermercati, utilizzando RFID o lo smart tag per i prodotti, in modo che i consumatori possano scoprire informazioni sui prodotti e prenderne in considerazione l’acquisto. In particolare, a sud di Seoul, vi è una catena di discount che utilizza tutte le tecnologie allo stato dell’arte disponibili, per lo shopping strategico e informativo, rendendo ancora più facile fare buoni acquisti:

korea

(Foto: Korea.net)

Quando si arriva al negozio, si prende uno dei “Carrelli-Intelligenti” e si fa la scansione della lista personale tramite un piccolo monitor collegato alla maniglia del carrello. Il monitor non mostra solo gli elementi che si desidera comprare, dove si trovano, ma fornisce anche informazioni molto dettagliate di ogni prodotto.

Se si esegue sul monitor la scansione di un uovo, è possibile ottenere informazioni sul prodotto, quali ad esempio da dove proviene, quando è stato deposto e anche una varietà di ricette.

Un’altra applicazione è lo “Scaffale-Intelligente”, che rappresenta una carta digitale dei vini. Quando si prende in mano una bottiglia di vino con incorporato un RFID e lo si posiziona sul suddetto scaffale, viene letto il codice a barre che permette di conoscerne l’origine, il gusto e le possibili combinazioni con i piatti.

Quali sono le frontiere tecnologiche ancora da abbattere per consentire una diffusione più capillare dell’augmented reality?

Innanzitutto occorre premettere che questa tecnologia è, a mio parere, ancora nella fase di crescita. Ciò detto, i pro potrebbero essere:

- E’ il futuro per l’interazione con le informazioni digitali.

- Può essere utilizzata in quasi tutti i settori.

- Può essere utilizzata nel marketing e virtualmente in ogni canale pubblicitario (web, mobile, stampa, affissioni, ecc.).

- E’ una tecnologia che può esistere su piattaforme multiple (cellulare, web, chiosco, ecc.).

E per quanto riguarda i contro:

- Le aspettative in questo momento sono troppo elevate data la scarsa maturità del settore AR.

- Alcune tecnologie AR richiedono plug-in. Il Mobile AR è il prossimo futuro, ma la tecnologia attuale è limitata e overhyped.

- A seconda del punto di vista, la pubblicità invadente potrebbe essere un elemento negativo. Le agenzie che richiedono questo servizio, spesso, non si rendono conto che l’uso eccessivo di messaggi con contenuti non adeguati all’utente, fanno sì che non si utilizzi più l’applicazione: quindi, si perde la finalità per cui quella applicazione era stata sviluppata in principio.

Sei a conoscenza di qualche caso interessante di augmented reality marketing italiano?

Su tutte le applicazioni di AR analizzate nella mia tesi, quella che mi ha stupito di più è stata la brochure interattiva di On Screen Communication, partner del ben più noto Total Immersion.

On Screen Communication è un’azienda Italiana che offre strategia, creatività e tecnologia per il marketing e la comunicazione. Si occupa in prevalenza di produzione multimediale, audio, video e generazione di eventi, ma anche di Realtà Aumentata.

A differenza delle normali brochure, queste sono veri e propri marker che si prestano a riprodurre, una volta inquadrata dalla webcam del proprio PC, il modello oggetto della brochure in 3D.

Toyota e Mini ad esempio hanno realizzato brochure che permettono, attraverso un point detection (si veda l’immagine) la visione dei modelli della vettura in vari colori e addirittura la disposizione dei sedili

toyota

(Foto: Toyota.com)

Ciò ha fatto sì che le vendite aumentassero producendo passaparola e stupore dei clienti: effetto “wow!”

Questo, a mio avviso, può essere considerato come un ottimo esempio di marketing: il cliente può visualizzare il modello a cui è interessato comodamente da casa. Con un solo gesto della mano.

fonte: http://web-target.com/open-target/197-augmented-reality-e-digital-marketing-2


Author: Gianmarco

Laureato in Scienze di Internet/Informatica per il Management, Bolognese, geek, appassionato di social media. Sul mio blog notizie e app dal mondo dell'Augmented Reality.

Share This Post On

1 Comment

  1. Ma bella Giammolo,sei un vip!!!!:)

    Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 3 = dodici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>