La realtà aumentata nelle applicazioni di marketing

E’ con grande felicità e orgoglio che vi mostro il programma di “Salotti di comunicazione”: Leggete con attenzione chi farà la sua comparasa :)

Come recita il sito, Salotti di Comunicazione è un evento nato nel 2009 dove, in 36 workshop tematici, creativi, fotografi e pubblicitari hanno parlato di comunicazione con aziende, enti ed associazioni.

“Salotti di Comunicazione 2010, seconda puntata” vuole verificare quanto il linguaggio dei giovani del ventunesimo secolo influenza le azioni di marketing e di pubblicità oltre alla comunicazione in generale.

“La realtà aumentata nelle applicazioni di marketing”

Perché fissarsi sulla realtà virtuale, quando basta aumentare la realtà?
Immaginarsi persone che indossano caschi per la realtà virtuale, guanti per la rilevazione dei movimenti, …, fa ancora sorridere.
La realtà aumentata, senza marchingegni da extraterresti, offre la possibilità di presentare le informazioni in un modo completamente nuovo, permettendone il controllo e l’interazione da parte del fruitore con strumenti di uso quotidiano come telefonini o smartphone.
Ne parlano Gianmarco Bassini e Marco Mosti, giovani laureati presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna rispettivamente in Scienze di Internet ed Ingegneria Gestionale, presentando diversi esempi ed applicazioni concrete di realtà aumentata che faranno sperimentare direttamente ai partecipanti.

Fonte: http://www.salottidicomunicazione.it/programma_salotti_comunicazione_2010.html


Author: Gianmarco

Laureato in Scienze di Internet/Informatica per il Management, Bolognese, geek, appassionato di social media. Sul mio blog notizie e app dal mondo dell'Augmented Reality.

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto × = 48

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>