L’AR ha raggiunto già un picco?

Avevano pronosticato una sorta di crescita esponenziale per l’AR e che in poco tempo sarebbe stata capace di superare i trend della realtà virtuale.  Per più informazioni, vi consiglio di leggere questo articolo di Thomas Carpenter.

Il guru aveva detto che: “Da gennaio 2009 a luglio 2009, le ricerche sulla Realtà Aumentata sono cresciuti del 400%. Questo è un cambiamento notevole nella visibilità della tecnologia e un segnale che indica che non si fermerà tanto presto.” Allora?  Beh, certo sembrava promettente, se guardiamo indietro lo scorso settembre, ma da allora, l’interesse per AR ha smesso di aumentare, almeno quando è misurata in volumi di ricerca e riferimenti a news.

La tendenza attuale è ancora più evidente quando si confronta con Foursquare (in rosso nel grafico sottostante), che ha veramente una crescita esponenziale, che cosa succede? ci sono un po’ di possibili spiegazioni:

(A) La realtà aumentata ha raggiunto l’apice. Non posso davvero credere che sia così.

(B) Google Trends non è mai stato uno strumento adeguato per misurare la popolarità della realtà aumentata. Altre misure, quali investimenti, acquisizioni e download effettivi sono indicatori migliori. Tutti questi presentano un andamento positivo.

(C) Siamo entrati in una nuova zona inesplorata nel ciclo di hype di Gartner, quella che io chiamo Plateau of immature technology.

In poche parole, l’iPhone non è il dispositivo AR ottimale e non è nemmeno il migliore attualmente in circolazione. Tuttavia, la maggior parte dei programmatori si limita a sviluppare applicazioni AR su iPhone (o anche peggio, in Flash, dato che il melafonino non lo supporta), e quindi lo spazio delle soluzioni è veramente limitato. Gli stessi programmatori vedono le loro stesse idee rimaneggiate di volta in volta (anche se, alcune piacevoli sorprese accadono) e l’interesse va scemando.  Il grafico dell’andamento sembra abbastanza costante (per ora) perché ci sono ancora alcuni utenti che scoprono AR per la prima volta.

Se volete sapere la mia opinione (Rouli di ARTimes), la realtà aumentata non sta per morire, ma è in fase di stallo, in attesa di una svolta tecnologica o una svolta concettuale che porteranno un nuovo tipo di applicazioni per il mercato (molto simile Foursquare che all’inizio era per servizi basati sulla localizzazione).  Sarebbe interessante se una delle big tra le aziende,  come Google, o forse una startup, prendesse le redini. Solo il tempo potrà dirlo.

E voi che ne pensate? Mi farebbe piacere sapere la vostra opinione.

fonte: http://artimes.rouli.net/2010/04/has-augmented-reality-peaked


Author: Gianmarco

Laureato in Scienze di Internet/Informatica per il Management, Bolognese, geek, appassionato di social media. Sul mio blog notizie e app dal mondo dell'Augmented Reality.

Share This Post On

4 Comments

  1. mah, secondo me appena vengono fuori applicazioni mainstream e l’AR inizia ad essere meno sperimentale, tornerà a crescere. Poi comunque Google Trends non è precisissimo!

    Post a Reply
    • Zago, vedrai che l’andamento e l’interessamento dell’AR, crescerà di nuovo. :)

      Post a Reply
  2. Interesting question GianMarco

    We have known for a long time now that the iPhone is not the best AR device, but what surprises me still is: iPhone developers complain about the lack of a camera API so they can build marker based content, where as Symbian and Android developers have full access to the camera API but for reasons unknown are not building the kinds of solutions that iPhone developers are dreaming about. Why are we not knee deep in marker applications for Symbian/Android?

    Having said that, I believe that the iPhone has now opened the relevant APIs, if that’s the case I was speaking to a games company last year who have several marker based games they want to release (good games), and Junaio already have marker technology in the product. These hopefully will reinvigorate the genre.

    The trend as Rouli says in the blog, we are seeing the same solutions over and over. I’m not sure if the world needs yet another browser implemented in the same way, or yet another POI browser. There is a fair amount of disillusionment from consumers with mobile AR. Mobile AR is cool, when you show someone a browser app for the first time they love it, but how many people use them on a regular basis to find the nearest Mcdonalds after a few beers? People are starting to want real content that they can’t live without. It will be interesting to see how Layar get on with charging for premium content, I’m not sure we are at the stage where consumers are willing to pay for content.

    All new technologies go through this stage of trying to find quality content, its not unique to AR. I have been in developer relations building developer programs around products and services for 15 or so years, at Skype when we launched the extras manager we saw more call recorder applications in 6 months than any man should see in a life time. Mobile operators are working on getting widgets built for their platform even as we speak, they face the same problem with quality.

    For browsers it will take someone with a clear vision to say this is what we want, seeking out good content, and then working with people to build the content before we start to see real value. But we’ll get there

    Post a Reply
    • Hi Lester,

      Thank you so much for shared your important point of view.

      Cheers

      Gianmarco

      Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 × = quaranta due

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>