La Realtà Aumentata Il visionario designer giapponese Mac Funamizu ci illustra il futuro

1

Mac Funamizu ci rappresenta con descrizione ed immagini virtuali ciò che si attende e desidera, e noi con lui, dai progressi della ricerca sulle funzionalità già disponibili in Internet.

L’esempio più concreto è la realizzazione di un dispositivo mobile in un prossimo futuro. Un Touch screen, onnicomprensivo di varie funzionalità: fotocamera, scanner, WiFi, Google Map (forse anche Google Earth), Google Search, la ricerca di immagini, ecc.

Tra le possibili applicazioni più sorprendenti, rispetto alla tecnologia attuale, potrà esserci la possibilità osservare un edificio attraverso il dispositivo ottenendone l’informazione sulle caratteristiche peculiari.

Così come per qualsiasi altro oggetto inquadrato attraverso lo strumento: di un modello di vettura, di un insetto, il tipo di cibo che ci viene servito in un ristorante, ecc.

Come designer, Funamizu ha anche delle apettative specifiche. Conoscere attraverso il dispositivo il nome di un font, la sua dimensione, il colore (ad es. se in RGB) e così via.

Non solo, ma grazie ad uno scanner integrato, poter approfondire il significato di una parola riportata tra le righe dei giornali, libri, riviste, ecc.
2

Mac Funamizu – next-gen-iphone2
Sarà facilitato inoltre, attraverso la modalità wireless, la sincronia con il cellulare ed altri dispositivi mobili, lo scambio di dati visualizzati. Magari attraverso Microsoft Surface.

Il termine “Realtà Aumentata” indica la modalità digitale che consente di sovrapporre alla realtà tangibile dal soggetto inquadrato l’immagine virtuale generata dal software.

3

Fonte: http://guide.supereva.it/


Author: Gianmarco

Laureato in Scienze di Internet/Informatica per il Management, Bolognese, geek, appassionato di social media. Sul mio blog notizie e app dal mondo dell'Augmented Reality.

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 + = tredici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>